1.3.0 Misura Turismo

 

1.3.3 Intervento costume

a) tradizioni

b) folklore

 

 

PROPONENTI

 

Indice

 

 

 

 

 

 

Scheda turismo costume

 

Lo studio di opportunità individua, nell’ambito del territorio, alcune attività uniche, non riproducibili altrove, che traggono le loro origini dalle tradizioni locali.  In particolare si è fatto riferimento alle manifestazioni di “Vin estate” a Torrecuso, “La sagra del grano” a Foglianise ed alle “Mongolfiere” a Fragneto Monforte.  Gli interventi proposti mirano alla rivitalizzazione delle attività attraverso azioni significative nell’ambiente urbano, fornendo alle collettività strutture di grande importanza in grado di sostenere le iniziative socio – economiche ed ambientali del luogo.

La realizzazione di sale convegni, sedi municipali, sedi per l’organizzazione delle manifestazioni, sale musicali, sono strutture in grado di garantire un luogo fisico che sia di riferimento certo e continuativo allo sviluppo delle attività, nonché alla promozione delle manifestazioni.

Il nucleo originario del centro abitato del Comune di Fragneto Monforte, la cui origine risale ad epoca longobarda, è costituito per la sua maggior parte dal Palazzo dei Duchi Montalto “di Fragnito”. Alla prevalente consistenza dimensionale, il Palazzo manifesta caratteri significativi e di pregio edilizio. Da ciò la preminenza del suo ruolo in ogni progetto di valorizzazione del centro storico, attesa la centralità del Palazzo nel contesto urbano. L’intervento proposto sopperisce all’assenza di strutture capaci di implementare la proposta turistica –sociale – culturale cui sottende la presente azione.

Il Comune di Torrecuso propone il recupero del Castello – Palazzo Feudale.  Il progetto tende a ricostruire la storia edilizia del corpo di fabbrica rendendo leggibile, ad esempio, la struttura basamentale della Torre cilindrica che concludeva al maniero medievale. Con l’intervento è previsto il restauro della Cappella dedicata al Salvatore, attualmente adibita a vano scala di accesso degli uffici municipali, il recupero delle originarie spazialità e gli ambienti più rappresentativi, quali la sala maggiore che ancora oggi custodisce brandelli di pregevoli dipinti settecenteschi.

Priorità è stata data ai lavori di consolidamento statico al fine di mettere in sicurezza l’intero edificio.

L’intervento proposto dal Comune di Foglianise prevede la realizzazione di un museo per l’esposizione di riproduzioni di opere d’arte realizzate con la tecnica dell’intreccio di gambi di spighe di grano. L’ultramillenaria storia sannita ha lasciato le sue impronte nell’arte fatta di spontaneità e fantasia popolare. Le finalità che ci si propone, con il recupero di un edificio del centro storico da destinare a museo della “Festa del grano”, vuole essere di sostegno a tale iniziativa che richiama l’attenzione di un consistente numero di turisti e visitatori.  Il Comune di Paduli propone, infine, un intervento di notevole valenza culturale legata alle arti figurative e musicali.

La partecipazione del Maestro Mimmo Paladino, una delle espressioni più alte, di rilievo mondiale, della Transavanguardia, conferisce al progetto un grande spessore culturale ed artistico.

La realizzazione di un centro d’arte e cultura la cui direzione verrà affidata all’artista sarà essa stessa “opera d’arte” contenitore del “Museo della Transavanguardia”.

Tale opera si collega ad altro intervento dell’artista eseguito nella città di Benevento, l’ “Hortus conclusus” che si propone, quale porta d’accesso, ad un percorso turistico di alto spessore culturale.

All’interno di questo contenitore, formato da sale espositive, auditorium, servizi ed uffici, troverà collocazione anche l’attività musicale promossa dalla manifestazione “Sannio jazz” a cura del Maestro Umberto Aucone. E’ da evidenziare che gli artisti coinvolti nel progetto culturale sono entrambi originari del Comune di Paduli.  

 

Tutte le azioni riferite a questo intervento interagiscono con la misura (1.1.0 e 2.1.0) e con gli interventi (1.2.1., 1.3.1., 1.3.2., 2.2.1., 2.1.3., 2.1.4., 2.1.6).  

     

Torna su